Comunicato Stampa: il ministro Speranza e la nomina di Mons. Paglia

MINISTRO SPERANZA, MA NEANCHE IL DEMOCRISTIANO PIÙ RADICATO AVREBBE MAI NOMINATO UN VESCOVO ALLA PRESIDENZA DI COMMISSIONE…!?!

CHE NE È DELLA LAICITÀ DELLO STATO?  E CHE COMPETENZE HA MONSIGNOR PAGLIA CIRCA GLI ANZIANI?

 

Apprendiamo dall’Ansa che “il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha istituito con apposito decreto una commissione per la riforma dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana. A presiederla sarà Monsignor Vincenzo Paglia, Gran cancelliere del Pontificio Istituto Teologico per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia. Ne fanno parte, rende noto il ministero, illustri personalità del mondo scientifico e sociale”.

Paglia è anche Presidente della Pontificia Accademia per la Vita, sempre istituzione Vaticana, ma a prescindere dai tanti incarichi ufficiali ricoperti da mons. Paglia e dalle posizioni ideologiche da lui sostenute, ci chiediamo come mai a presiedere una Commissione sanitaria italiana sia stato scelto un prelato? Non c’era proprio nessun altro esperto? E che competenze specifiche sulla tematica può vantare monsignor Paglia? E che dire della norma canonica che vieta ai consacrati la commistione di ruoli?

Ministro Speranza, ci aiuti a capire le alchimie delle politiche sanitarie e vaticane: abbiamo apprezzato la posizione sulla RU486, ma la laicità dello Stato è valore fondante della Repubblica e non è il caso di procedere a una vaticanizzazione della sanità italiana.

La Consulta di Bioetica Onlus esprime sgomento per tale nomina e manifesta fermo dissenso.

Maurizio Mori
Presidente

 

 

Torino 21 settembre 2020

1 thought on “Comunicato Stampa: il ministro Speranza e la nomina di Mons. Paglia”

  1. Visto il silenzio se non l’occultamento nei confronti di questa vergognosa notizia, anche se servirà a poco, condivido a pieno il vostro sdegno e protesta circa questa assurda scelta del Ministro della Sanità. Non pensate sia il caso di avviare una raccolta di firme per condividere il vostro documento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *